Il miglior modo di rispondere ad una provocazione…

Molti psicologi e pedagogisti affermano che il metodo migliore di rispondere alla provocazione non è quello di provocare a propria volta (sarebbe la reazione attesa da chi provoca per primo). Essi sostengono che di fronte ad un’azione distruttiva (la provocazione) il modo migliore sia quello di proporre un’azione costruttiva. Per esempio: di fronte ad un persona che ti dice "ti odio" la cosa migliore da fare è rispondere "ed io ti voglio bene!" … quindi in un modo non provocatorio… anzi… quasi "affettuoso".

Alla luce di questa affermazione… io vorrei sapere:

Chi di voi è in grado (sempre) di rispondere "affettuosamente"?

Chi di voi si mette sulla difensiva e reagisce perdendo le staffe?

Come vi comportate solitamente in queste situazioni?

 

.: E’ divertente combattere, ti dà qualcosa da fare, mitiga la noia :.

Annunci

6 thoughts on “Il miglior modo di rispondere ad una provocazione…

Add yours

  1. Io un pò per indole e un pò per lavoro difficilmente perdo le staffe anzi penso che si riesca ad ottenere di più con la calma e il buon senso…Però quando perdo le staffe mi han detto che faccio paura…

    Un salutone…

  2. è la provocazione un’azione distruttiva? dipende dai casi, ma io non generalizzerei.

    Se so rispondere ad un attacco in modo “affettuoso”? No, sicuramente no. Lascio poco margine agli “altri” per riuscire ad attaccarmi, vivo bene in una difesa pressoché costante. Se mi lascio andare con qualcuno ecco che divento improvvisamente me stessa, molto meno forte e inattaccabile di quanto possa sembrare ai più. Se questa persona mi attacca, anche in modo superficiale, mi ferisce, perchè ho dato a lei/lui modo di entrare nel mio intimo, dove tutto è tenero e indifeso. Se questa persona mi attacca, semplicemente la estrometto (anche solo per un secondo) dal mio mondo, ricollocandola nel mondo reale, dove so gestire molto bene le situazioni negative, semplicemente lasciandomele scivolare addosso, senza che mi tocchino realmente e quindi mi feriscano. Lo stomaco si chiude un pò di più, il sorriso è più formale, ma io ne esco illesa. E quindi ho la possibilità di raggiungere il giusto accordo (un buono stato di convivenza) riportando la discussione (l’attacco di cui sopra) ad un confronto civile ed il più possibile costruttivo.

    Ad attacco chiusura, quindi mediazione per annullare l’attacco. E se possibile escono entrambe le parti con un valore aggiunto, la conoscenza di un pezzetto in più dell’altro…

    che ne dici?
    tu come reagisci mio bel blogger?

  3. Io rispondo affettuosamente solo quando capisco che la provocazione nasce e vive come pura provocazione. Se mi accorgo che la provocazione cela “frecciatine” rispondo sempre a tono, e se questo significa anche doversi arrabbiare… ben venga! Io mi adeguo sempre al tono della conversazione… ! Una delle cose che più odio è essere preso per i fondelli :))

  4. Tendo a rispondere affettuosamente se la persona che ho davanti ha un certo potere su di me (perchè glielo permetto…) e forse è per questo che spesso i commenti mi vengono rivolti in modo così facile.. Quindi forse.. è meglio attaccare. O almeno… attaccare le prime volte per mettere in guardia l’altro del fatto che ti puoi difendere.
    Altre armi fantastiche che uso sono: graffi e silenzio.
    Ma tanto poi il nervoso resta… che fare?? Eliminiamo i rompi coglioni???

  5. dipende molto anche dal tipo di rapporto instaurato con la persona che ti provoca,,,al lavoro si agisce in modo diverso rispetto a casa e persino gli argomenti oggetto di provocazione possono susciatare una reazione diversa,,,se però rispondessi in modo troppo affettuoso l’altra persona potrebbe pensare che la sto prendendo per i fondelli,,,mah!
    un saluto
    isaacsky

  6. Sono molto interessanti le tue domande. Io rispondo alla prima.
    Se non sono coinvolta in prima persona rispondo sempre favorevolmente, ma anche se fossi coinvolta. Sempre arrendevole e socievole ed affettuosa, perchè forse nella vita, una parte di torto, per quello che non va, volontariamente o involontariamente, l’avrei anche io.
    Gradevole post.
    Un caro saluto e buon week-end
    Patty

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: